Denti neri: la malattia del sorriso

I denti sono molto importanti nella vita di una persona non solo per la loro funzione di masticazione e fonetica, ma anche estetica. Molte persone hanno denti neri a causa delle vecchie otturazioni che venivano fatte prima degli anni 2000 dove veniva utilizzato il piombo.

Ad oggi se un dente diventa nero è quasi sicuramente per una malattia. I denti neri infatti sono sinonimo di malattia del sorriso e di scarsa igiene orale.

I denti neri possono venire anche senza alcuna malattia. Ad esempio un colpo che causa la rottura del dente e quindi la conseguente necrosi della polpa porta il dente a diventare nero.

Denti neri: cos’è la pulpite

Una delle malattie che maggiormente causano i denti neri è la pulpite.

La pulpite è una malattia del cavo orale che genera forti dolori difficilmente localizzati ma provenienti dai denti colpiti. In genere i sintomi avvertiti sono un forte dolore causato dall’immediata infiammazione della polpa del dente con possibile e successiva necrosi.

denti-neri-pulpite

Per questo motivo quando si avverte anche un leggero dolore costante nel cavo orale è bene effettuare un controllo da dentisti e odontoiatri come il Dott. Andrea Poggi.

I pazienti avvertono molto spesso il dente che pulsa e hanno un certo disagio nel processo di masticazione, soprattutto con cibi, sia solidi che liquidi, molto freddi o eccessivamente caldi.

La pulpite può essere reversibile o irreversibile. La pulpite reversibile si presenta come come un’infiammazione della polpa del dente poco accentuata, con un dolore sopportabile ma molto fastidioso. Il dolore e la sensibilità si accentuano però con la masticazione.

Grazie ad un intervento immediato e una cura farmacologica successiva, il paziente potrà tornare alla quotidianità in pochissimo tempo. Al contrario la pulpite irreversibile, definita anche pulpite acuta è quella che genera effettivamente i denti neri.

Se con la pulpite reversibile e poco acuta il dolore passa subito dopo lo stimolo, con questa tipologia di patologia, il dolore non cessa immediatamente, ma continua a far soffrire il paziente ancora per alcuni minuti. Viene spesso collegata alla parodontite. In questo caso estremo si ricorre alla devitalizzazione del dente. In non poche occasioni il dolore si diffonde anche alle tempie, collo e orecchio.

Per sapere come risolvere il problema dei denti neri contatta il Dott. Andrea Poggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.