impianti zigomatici

Gli impianti zigomatici in assenza di osso superiore

Numerose persone, oltre ad avere subìto una perdita di denti, si ritrovano a dover far fronte a una riduzione delle ossa mascellari superiori tale rendere l’applicazione di protesi fisse davvero complessa. Gli impianti zigomatici sono la soluzione migliore a questo problema.

Gli impianti zigomatici sono la soluzione adatta a tutti quei pazienti che presentano un’assenza di osso superiore tale da rendere impossibile l’inserimento di impianti tradizionali.

Con questa nuova tecnologia è possibile applicare arcate dentali complete anche in assenza di osso per regalare ai pazienti un nuovo sorriso e migliorare loro la qualità della vita.

La riduzione o assenza di ossa mascellari superiori può essere una grave conseguenza di uno stato avanzato di piorrea, oppure il risultato sgradito di un utilizzo prolungato di protesi mobili, la comune dentiera.

Per comprendere quando la quantità ossea è tale da ricorrere agli impianti zigomatici è necessario che il paziente sia sottoposto non solo all’esame di panoramica dentale, ma anche ad una TAC Cone Beam per rilevare altezza e spessore delle ossa.

L’intervento di inserimento di impianti zigomatici

Gli impianti zigomatici sono eseguiti con la tecnica del carico immediato, per permettere l’inserimento di una protesi provvisoria, in grado di restituire in poche ore il sorriso al paziente.

Questo tipo di impianti è strutturato sull’inserimento di perni sufficientemente lunghi da raggiungere le ossa zigomatiche.

L’intervento avviene ovviamente in anestesia locale e, durante la prima fase, si procede con l’incisione e il sollevamento delle gengive per poter raggiungere le ossa zigomatiche. Qui le cavità lasciate dai denti naturali vengono adattate ai perni mediante la creazione di fori nelle ossa zigomatiche.

Successivamente, si procede con l’inserimento dei perni della lunghezza adatta per essere ancorati alle ossa per poi suturare i tessuti.

Infine, si applicano le protesi fisse provvisorie per tutta la durata della fase di guarigione delle mucose. A guarigione avvenuta, solitamente dopo 2 o 3 mesi, si potranno fissare al paziente le protesi fisse definitive.

Si tratta di un intervento rapido eseguito in sedazione cosciente con anestesista professionista e che viene completato in poche ore senza la preoccupazione di rischi chirurgici e un disagio post-operatorio contenuto.

Anche se la vostra situazione vi sembra tra le più disperate, non abbandonate la speranza di poter tornare a sorridere con spensieratezza. Lo Studio Dentistico del Dott. Poggi è a vostra disposizione per maggiori informazioni semplicemente cliccando qui!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.